Cos'è uno statuto? - EMERGENZA MAGISTRATURA

Vai ai contenuti

Menu principale:

Cos'è uno statuto?

STATUTO BANCO SARDEGNA

Cos'è uno statuto?

Parlo ovviamente per i non commercialisti. Di solito i non specialisti non si pongono il problema, o lo spesso lo sfuggono perchè a prima vista si tratta di testi incomprensibili ed astrusi.

Invece lo statuto d'una società o associazione è fondamentale per le sorti della società o associazione e l'incidenza dell'ente sul mondo nel quale opera.

Ogni statuto stabilisce qual'è l'attività dell'ente, chi può essere amministratore, quali regole deve seguire, quali e da chi sono effettuati i controlli, quando chi e come valuta i risultati. E last non least, chi paga.

Nell'ottobre 1990 ero una dei cinque componenti il comitato esecutivo del Banco di Sardegna, che era il supremo organo di governo del Banco.

Le operazioni sullo statuto nel Banco erano di competenza di un organo chiamato "consiglio di  amministrazione", del quale non  facevo parte e che aveva, a dispetto della denominazione, quelle che nelle società per azioni sono competenze dell'assemblea, (nomina dei membri del compitato esecutivo e dei sindaci, approvazione del bilancio, modifiche statutarie. Nonchè (udite, udite,a  futura memoria), "determinazione degli indirizzi politici generali".

Il 26/09/90 il cda (alias "assemblea"), del Banco prende una prima delibera di approvazione di un "nuovo" statuto, da mandare per un esame alla Banca d'Italia (Ve la raccomando!). Il presidente prof. Lorenzo IDDA, il vice presidente prof. Antoniio MAZONI ed il direttore generale dr. Aneglo GIAGU, (che facevano parte sia del comitato esecutivo che del cda), si guardano bene dal portare la fondamentale questione in comitato esecutivo, dove avrebbero docuto verbalizzare le spietate critiche di Gian Paolo Porcu.


La legge AMATO n. 218 del 30/07/1990: crea panico ai piani alti del Banco di Sardegna: la gallina dalle uova d'oro sta per sfuggire, infatti la legge contiene una trappola.

Prima di leggere i motivi della mia disperata opposizione alla risibile "riforma" progettata, occorre vedere la seguente nota tecnica sulla legge Amato, o Amato - Carli, che porta il n. 218 del 30/07/1990.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu